Ultimo 30% di “Interview” + Tutti gli scans

Se la prima parte dell’ intervista su “Interview” è stata emozionante, il continuos è davvero da sbav perché emerge la nostra Emma con quel pizzico di sicurezza, e un pochino di arroganza, forse proprio perché la Watz e Blasberg si conoscono. Emergono molte cosucce interessanti come che i due prima dell’intervista sono stati in macchina insieme e che l’amica di Emma, Sophie Sumner è una modella e molte altre cose. Insomma leggete e ne saprete di più: (thanks to CelebUtopia per gli scan fotografici)




Non ha dovuto sognare di vivere nel regno magico di Harry Potter. È cresciuta qui, strappata dalla scuola all’età di 9 anni per entrare nel cast come attrice principale in uno dei più famosi  franchise cinematografici nella storia. Ha passato la sua adolescenza a lanciare incantesimi, combattere i maghi malvagi e a fissare  gli occhi dietro le lenti di Daniel Radcliffe. Ma ora che la saga si appresta a raggiungere la sua conclusione, la trasformazione più magica è stata quella della Watson stessa, non più una precoce  spalla, ma adesso una donna matura.

Blasberg: Sei stata accettata a scuola? Come una normale babbana?

Watson: Quando ho cambiato scuola, la gente ci ha impiegato un po a capire che sono una persona reale , che sono normale. Fondmentalmente si sono stufati di me dopo un paio di settimane. Non subivo atti di bullismo nè mi schiacciavano contro gli armadi nè nulla di simile. La scuola dove andavo era molto “accademica” e le ragazze in particolare erano concentratissime sui loro diplomi e avevano ambizioni personali.

Blasberg: Ma davvero vuoi tornare una secchiona (matricola)? Passare ore e ore in biblioteca con vestiti sporchi e trascinandoti appresso un orribile zaino invece della tua borsetta Chanel?

Watson: Si. Voglio tornare a sentire lo stress della scadenza, voglio girare per il campus su una biciclettina. Mi manca l’odore dei libri, l’astuccio delle penne e i raccoglitori ad anelli, li rivoglio tutti indietro.

Blasberg: Vederti sul set con quella chioma spropositata da Hermione era una divagazione, scometto che veder sparire tutte quelle “aggiunte” non ti dispiacerà. Il film ha provocato altri cambiamenti ?

Watson: Si pensava che Hermione dovesse avere una gran chioma bruna selvaggia e denti da castoro. In realtà quella chioma che si vedeva, era dovuta a montagne di pettinature e fissante, e all’inizio hanno pure tentato di farmi mettere una dentiera ma non riuscivo più parlare così hanno dovuto rinunciare ai denti da coniglio.

Blasberg: A riguardarla adesso in retrospettiva quella decisione fu abbastanza fortuita!

Watson: Lo so. E hanno anche cercato di far mettere a Dan delle lenti a contatto perchè Harry Potter ha gli occhi verdi , mentre Dan li ha azzurri ma di nuovo come io avevo sofferto con i finti denti da coniglio, mettere le lenti a contatto tutti i giorni a un ragazzino di 11 anni non era facile.

Blasberg: Ma questi sono piccoli dettagli.

Watson: Si e probabilmente non li dovrei neppure raccontare . Chiunque sembra aver dimenticato queste minuscole imprecisioni e ora i fan vengono da me e mi fanno: “hanno fatto un lavoro talmente raffazzonato” sai quel tipo di fan che quando riescono a raggiungermi mi fanno domande terribilmente specifiche intorno ai libri, dettagli totalmente ignoti, per quanto molto familiare io sia con le vicende di Harry Potter.

Blasberg: Dimmi la verità, davvero ti piacerebbe che quest’unica parte concentrasse e definisse la tua intera carriera di attrice? Come prima in macchina ti ho detto (che era capitato a) Mayim Byalik la ragazza che ha recitato il ruolo di Blossom  famoso programma tv in America negli anni 90 e poi ha mollato tutto per andare a studiare neuroscienze all’UCLA? Ti starebbe bene sul serio di essere stata solo Hermione se tu riuscissi a trovarti un posticino all’università?

Watson: Posso vedermi onestamente in entrambe le situazioni, con l’opzione uno che io vada all’università e cambi strada, ma ci sono cose che amo anche del mondo dello spettacolo.

Blasberg: E’ una domanda a cui è difficile rispondere ora.

Watson: Ho sempre fatto giochi di equilibrio, così a me nemmeno sembra di dover fare una scelta, non è un’opzione binaria, non è  o l’uno o l’altro, puoi fare un film in 6 settimane, solo non un film di Harry Potter.

Blasberg: Non sei mica la prima attrice che va all’università, pensi che ti riuscirà difficile cambiare ru0lo se continuerai a fare l’attrice?

Watson: Non per me, ma per la gente sarà difficile vedermi separata da Harry Potter, sono talmente identificata col ruolo che ormai la gente mi ci ha visto crescere dentro. Penso sarà difficile scegliere le parti giuste e ritengo che sarà particolarmente difficile scegliere la prima parte dopo questa, mi piace la sfida.

Blasberg: E fino ad allora sarai contenta di andare sul set tutti i giorni invece di fare tutte le cose tipiche di un’adolescente, le partite di football, i club di danza, e le uscite a cena la Domenica?

Watson: Naturalmente ci sono state le volte in cui ho pensato che non fosse giusto il non poter fare un salto a un compleanno di un amico, o dover dormire fuori perché mi incombevano responsabilità ben diverse dalla maggioranza dei ragazzi della mia età. Ma non lo cambierei con null’altro, è quello che mi ha reso ciò che sono e molte altre cose sono nate da quella fatica.

Blasberg: Sei probabilmente l’unica diciannovenne di londra che in questo fine settimana va a letto alle 9.

Watson:  Non dirmelo, avere un orario per andare adormire è veramente difficile da spiegare ai miei amici: La maggior parte di loro sono nell’anno di intervallo (fra il diploma e l’iscrizione alla università) e probabilmente adesso sono in Thailandia a ubriacarsi alla luce della luna e a godersi la gioventù.

Blasberg: Ma tutti i tuoi amici giovani sono attori e gente di spettacolo ?

Watson: In realtà è un misto. La mia compagna di stanza è una modella, ma la maggior parte dei miei altri amici lavorano nei bar e nei club e sono nell’anno intermedio, molti di loro lavorano a quel club di Oxford, quello che si chiama Kukui, così se voglio raggiungerli e fare due chiacchere devo andarmi a sedere con loro nel guardaroba per un po’.

Blasberg: Mi piace l’idea che tu sia contenta di fare la brava ragazza e andare a letto presto, perché sei conscia che è una cosa più importante. Insomma sai che se stasera esci e domattina ti fai vedere tardi rovini non soltanto la tua carriera ma infanghi qualcosa di più grande. Ne ho visti altri di ragazzi in situazioni analoghe – fama precoce, quattrini a palate e ogni genere di tentazione a portata di mano, ma tu ti stai dimostrando responsabile e decisamente matura – ammirevole.

Watson: Harry Potter ha ispirato così tanta gente. Ricevo queste incredibili lettere di madri i cui figli hanno reimparato a leggere e ad amare la lettura per via di questi libri, o il racconto strappalacrime di una persona malata che ce l’ha fatta con Harry Potter. Incontro gente tutti i giorni che realmente è piena di entusiasmo per questi personaggi – E’  questo che quasi da solo che rende tollerabile l’alzarsi alle 5.45 tutte le mattine.

Blasberg: Senza contare, Ems, che se tu rovinassi la figura di Hermione non potresti mai più uscire da questa casa.

Watson: Te lo immagini? [rabbrividisce] Dovrei diventare un’eremita.

  • Guastatore1986

    Brava Charlotte, Ne farai di Strada, Continua così. Sigh! Beata te che non hai avuto dei guai come me e la Signora Whibley!!!!! Compagna di stanza= Una modella? Ma io credevo che vivesse con Jay!!!!! Non sarà mica il classico affitto condiviso?

    • Classico?
      Tu dici che se lo dovevano giocare ogni mese a strip-poker, tipo?

  • Ale88 (Alessandra)

    Blasberg: Sei stata accettata a scuola? Come una normale babbana?

    Watson: Quando ho cambiato scuola, la gente ci ha impiegato un po a capire che sono una persona reale , che sono normale. Fondmentalmente si sono stufati di me dopo un paio di settimane. Non subivo atti di bullismo nè mi schiacciavano contro gli armadi nè nulla di simile. La scuola dove andavo era molto “accademica” e le ragazze in particolare erano concentratissime sui loro diplomi e avevano ambizioni personali.

    Ems è normalissima!!! :sìsì: A solo una piccola caratteristica d essere Hermione sul grande schermo x il resto è Ems!!!!!

    Blasberg: Ma davvero vuoi tornare una secchiona (matricola)? Passare ore e ore in biblioteca con vestiti sporchi e trascinandoti appresso un orribile zaino invece della tua borsetta Chanel?

    Watson: Si. Voglio tornare a sentire lo stress della scadenza, voglio girare per il campus su una biciclettina. Mi manca l’odore dei libri, l’astuccio delle penne e i raccoglitori ad anelli, li rivoglio tutti indietro

    Okok chiaro k tornerai a studiare, va benissimo ank così!!!

    Blasberg: Vederti sul set con quella chioma spropositata da Hermione era una divagazione, scometto che veder sparire tutte quelle “aggiunte” non ti dispiacerà. Il film ha provocato altri cambiamenti ?

    Watson: Si pensava che Hermione dovesse avere una gran chioma bruna selvaggia e denti da castoro. In realtà quella chioma che si vedeva, era dovuta a montagne di pettinature e fissante, e all’inizio hanno pure tentato di farmi mettere una dentiera ma non riuscivo più parlare così hanno dovuto rinunciare ai denti da coniglio.

    Blasberg: A riguardarla adesso in retrospettiva quella decisione fu abbastanza fortuita!

    Watson: Lo so. E hanno anche cercato di far mettere a Dan delle lenti a contatto perchè Harry Potter ha gli occhi verdi , mentre Dan li ha azzurri ma di nuovo come io avevo sofferto con i finti denti da coniglio, mettere le lenti a contatto tutti i giorni a un ragazzino di 11 anni non era facile.

    Sarebbe solo stata una tortura la dentiera x Ems e le lenti a contato x Dan, meglio al naturale, hanno funzionato benissimo ank così!!! :sìsì:

    Watson: Posso vedermi onestamente in entrambe le situazioni, con l’opzione uno che io vada all’università e cambi strada, ma ci sono cose che amo anche del mondo dello spettacolo.

    Blasberg: E’ una domanda a cui è difficile rispondere ora.

    Watson: Ho sempre fatto giochi di equilibrio, così a me nemmeno sembra di dover fare una scelta, non è un’opzione binaria, non è o l’uno o l’altro, puoi fare un film in 6 settimane, solo non un film di Harry Potter.

    Blasberg: Non sei mica la prima attrice che va all’università, pensi che ti riuscirà difficile cambiare ru0lo se continuerai a fare l’attrice?

    Watson: Non per me, ma per la gente sarà difficile vedermi separata da Harry Potter, sono talmente identificata col ruolo che ormai la gente mi ci ha visto crescere dentro. Penso sarà difficile scegliere le parti giuste e ritengo che sarà particolarmente difficile scegliere la prima parte dopo questa, mi piace la sfida.

    Oh c abitueremo a vederti in un altro ruolo :sìsì: NO PROBLEM XD

    Blasberg: Sei probabilmente l’unica diciannovenne di londra che in questo fine settimana va a letto alle 9.

    Watson: Non dirmelo, avere un orario per andare adormire è veramente difficile da spiegare ai miei amici: La maggior parte di loro sono nell’anno di intervallo (fra il diploma e l’iscrizione alla università) e probabilmente adesso sono in Thailandia a ubriacarsi alla luce della luna e a godersi la gioventù.

    (cut)

    Blasberg: Mi piace l’idea che tu sia contenta di fare la brava ragazza e andare a letto presto, perché sei conscia che è una cosa più importante. Insomma sai che se stasera esci e domattina ti fai vedere tardi rovini non soltanto la tua carriera ma infanghi qualcosa di più grande. Ne ho visti altri di ragazzi in situazioni analoghe – fama precoce, quattrini a palate e ogni genere di tentazione a portata di mano, ma tu ti stai dimostrando responsabile e decisamente matura – ammirevole.

    Watson: Harry Potter ha ispirato così tanta gente. Ricevo queste incredibili lettere di madri i cui figli hanno reimparato a leggere e ad amare la lettura per via di questi libri, o il racconto strappalacrime di una persona malata che ce l’ha fatta con Harry Potter. Incontro gente tutti i giorni che realmente è piena di entusiasmo per questi personaggi – E’ questo che quasi da solo che rende tollerabile l’alzarsi alle 5.45 tutte le mattine.

    Ma k brava ragazza k va a nanna alle 21 e nn nei locali a ubriacarsi!!! Nn avevo dubbi!!! E sì modestamente è ank merito nostro :asd:

    Blasberg: Senza contare, Ems, che se tu rovinassi la figura di Hermione non potresti mai più uscire da questa casa.

    Watson: Te lo immagini? [rabbrividisce] Dovrei diventare un’eremita.

    :asd:

  • Marty * emwatson;

    Oddeo, non avrei MAI immaginato che avessero tentato di mettere una dentiera a Emma per farle quei dentoni tipici di Hermione. XD
    E’ molto interessante questa intervista, grazie mille Doc. =)

  • Pancaspe

    Della dentiera lo sapevo, però ignoravo delle lenti a contatto per Dan.
    E poi

    La mia compagna di stanza è una modella

    e Jay!? O_o Mio fratello dice certe cose delle ragazze brutte accoppiate con belli (ma anche solo accoppiate XD), che valga anche per l’uomo che un’attrice e una modella si giocano a strip-poker? XD
    Ma soprattutto… ora so che fine ha fatto Blossom!!!

  • Hermione

    Blasberg: Sei probabilmente l’unica diciannovenne di londra che in questo fine settimana va a letto alle 9.

    Watson: Non dirmelo, avere un orario per andare adormire è veramente difficile da spiegare ai miei amici: La maggior parte di loro sono nell’anno di intervallo (fra il diploma e l’iscrizione alla università) e probabilmente adesso sono in Thailandia a ubriacarsi alla luce della luna e a godersi la gioventù.

    Bella intervista comunque, molto interessante! Thanks! :)

    Oddio, non si può sentire ‘sta frase! xD xD