Il Trio nella preview d’Ottobre di Empire – Scans e articolo in italiano, nuovo still

Durante la nostra visita ai Leavesden nell’Agosto 2009, abbiamo visto le riprese di una scena molto complessa tratta dall’inizio del film, quella in cui gli amici di Harry bevono la Pozione Polisucco per trasformarsi in lui. […] Il risultato era avere sette identici Potter insieme nella stessa stanza il che avrebbe richiesto numerosi ciak della stessa azione con un membro del cast alla volta sostituito da Radcliffe. “Sono così felice che l’abbiate vista” ha detto Dan. “Certa gente non comprende quanta tecnica ci voglia per film del genere, e quello è stato il perfetto esempio. Ci sono voluti 95 ciak per quella sequenza; si tratta di una sola sequenza perchè la camera è stata programmata per fare la stessa cosa ogni volta. Scommettevamo tutti su quanti ciak ci sarebbero voluti ma nessuno ha indovinato perchè il numero era troppo alto. A fine giornata ci hanno mostrato una versione provvisoria della scena ed era stupenda. Solitamente in sequenze a schermo diviso sei consapevole che i protagonisti non si toccheranno mentre in questa scena tutti lo fanno e cambiano posizione. E’ una bella scena a inizio film. Anche se avrei una domanda: Perchè Harry non si trasforma in qualcuno piuttosto che far trasformare tutti in lui? Ce lo chiedevamo tutti sul set“.

A parte i buchi nella trama, la seconda parte in particolare ha messo Radcliffe davvero alla prova in un paio di scene: Harry che si dirige verso morte certa e uno strano incontro in un al di là con le sembianze di King’s Cross. “Erano le scene del film che aspettavo con più ansia perchè dovevo farle davvero bene. Non credo di aver fatto del mio meglio alla fine perchè solitamente mi metto sotto pressione da solo, il che è molto stupido. Abbiamo girato la scena in un set bianco anche se aggiungeranno una King’s Cross fantasma in post-produzione. C’erano anche addetti di Health & Safety1 che dicevano a tutti di indossare occhiali perchè era tutto troppo bianco“. L’ultimo film Potteriano, in altre parole, esplora luoghi sconosciuti. E se la Prima Parte è un viaggio vero e proprio (“Jo Rowling mi scrisse mentre scriveva il settimo libro che poteva trattarsi di uno strano road movie il che è del tutto giusto“) la seconda sarà qualcosa di molto più grande. “La cosa buona riguardo questi film è che abbiamo sempre cercato di focalizzare la nostra attenzione sui personaggi e la storia piuttosto che sull’azione che li circonda“.

Dan Radcliffe non è l’unico a dover affrontare difficili scene drammatiche. Il Ron Weasley di Rupert Grint, per sei film il personaggio più comico del trio, questa volta ha un ruolo ben diverso. David Yates a tal proposito ha dichiarato: “La Prima Parte è molto intrigante perchè Rupert, che ha sempre dovuto fare scene divertenti, segue una linea emotiva particolare“. Grint ha poi aggiunto: “E’ difficile per Ron perchè vuole essere un amico leale, ciò significa sacrificare la sua famiglia e questo lo preoccupa. Si comincia a vedere la sua paranoia mentre vede Hermione e Harry avvicinarsi e lui non è pienamente fiducioso nell’abilità di Harry. I rapporti si incrinando anche se lo stesso fatto di litigare li rende un più umani“.

Si tratta di un film di guerra. Il castello va a fuoco e i corpi dei cadaveri sono sparsi ovunque, e si tratta anche di ragazzi! Una sorta di Salvate il soldato Ron? “Sicuramente. Il film è toccante, intenso. Hanno anche cambiato il modo di lanciare gli incantesimi. Prima avevamo un coreografo con uno stile molto delicato, adesso si tratta di qualcosa di più aggressivo e simile ad uno scontro a colpi di spada“.

[Via: Portkey]

» Emma Watson: “Harry Potter non è Twilight, noi non vendiamo sesso.

[…] Ma la libertà non è sempre facile da conquistare. L’Hermione interpretata da Emma Watson sfugge alle angosce familiari che tormentano il suo amico Ron nel film – ma lo fa a caro prezzo. “Il film si apre con Hermione che cancella i ricordi [su di lei] dalla mente dei suoi genitori e abbandona la loro casa. Non lo si legge nei libri sebbene si sappia che accade. È una scena che Steve [Kloves] e Dave [Yates] hanno scritto per il film, e ne sono stata felice perchè si capisce il sacrificio che Hermione e Ron compiono in nome dell’amicizia con Harry. Si vedono la casa di Ron, quella di Harry. Ma non viene mai toccata con mano la vita di Hermione al di fuori di Hogwarts, al di fuori di quell’amicizia, mentre in realtà è importante. Non sta semplicemente per partire per la scuola per l’ennesimo anno. Si sceglie tra la famiglia e gli amici; una cosa davvero brutale. Loro le offrono una tazza di te, completamente ignari di ciò che sta per succedere, e dopo io lancio un incantesimo che cancella i loro ricordi di me. Ci sono foto sparse per tutta la stanza, vere foto di me da bambina, che letteralmente scompaiono. È orribile. E dopo devo chiudere la porta e andar via da sola“.

Nonostante non abbia mostrato più propensione dei suoi colleghi maschi per le luci della ribalta, la Watson viene molto più spesso braccata dai tabloid. Famosa a tal punto che il suo taglio di capelli è notizia da prima pagina, lei sembra quasi sollevata di trovarsi nella strana bolla dei Leavesden Studios, e ha scelto di frequentare l’università negli Stati Uniti, alla relativamente tranquilla Brown (“La Brown è un campus piccolo e quindi tutti sono abituati a vedermi in giro. Nessuno mi guarda più una seconda volta,  il che è meraviglioso“). Per la Watson, non è stata la lunghezza delle riprese o la prospettiva della conclusione la cosa più probante, ma la pura portata e il contenuto del film.

Le cose emotive sono molto più difficili. Questi ultimi due film mi hanno richiesto un impegno fisico ed emotivo a un livello completamente diverso. Ho fatto una scena dove Ron si ritrova con metà del suo corpo spaccato (il risultato di una smaterializzazione sbagliata), e si ritrova zuppo di sangue, le mie mani coperte di sangue e il mio amico tra le mie braccia in preda al dolore, e io che tento di salvarlo. Anche io vengo torturata; non avevo mai dovuto fare una scena di tortura prima. E anche fisicamente… C’è stato una grande quantità di sforzo fisico per giorni e giorni, e poi si finiva a lavorare tra gli esplosivi perchè ci sono un sacco di scene di duello. Quando l’incantesimo viene scagliato, entrano in azione tonnellate di materiale pirotecnico ed è spaventoso. Non c’era bisogno di recitare; è assolutamente terrificante. Mi sono sentita come se fossi nell’esercito. Davvero, sono state delle riprese molto, molto probanti.

Non che qualcuno le voglia chiedere di questo. La Watson, i cui oltremodo ragguardevoli traguardi accademici stile Hermione continuano alla Brown (dove ha recitato in una opera di Chekhov), ha scoperto con questo film che i giornalisti sono interessati ad una cosa soltanto: com’è stato baciare Ron. “Penso di poter capire. Questo bacio tra Ron e Hermione è attesissimo, un momento raggiunto passo dopo passo in otto film. E sai, Harry Potter non è Twilight; noi non vendiamo sesso. Quindi, ogni volta se ne intravede appena l’ombra, tutti diventano terribilmente sovreccitati. In realtà è stato orribilmente assurdo; non riuscivamo a smettere di ridere. La cosa bella era che, prima di farlo, ci siamo girati l’uno verso l’altra ed eravamo tipo «Dio, sarà orribile non è vero?» Ma si spera che almeno sia venuto bene.

Nonostante le corse a perdifiato tra foreste e avvallamenti (“È stato molto agonistico; la camera era su un cablaggio a cerniera e noi praticamente gareggiavamo tra di noi“) e le scene pericolose (“Quando preparavano questi materiali pirotecnici era davvero tanta la pressione per non sbagliare niente“), il più grande disastro della Watson sul set è capitato quando ha provato a documentare l’ultimo capitolo della saga.

Facevo un giro in un negozio di camere di seconda mano e questo signore molto gentile mi ha convinta che quello che cercavo fosse una di quelle macchine in bianco e nero. Ho realizzato di non aver fatto nessuna foto negli ultimi 10 anni, e quindi stavolta ho fatto scatti a tutto e a tutti. Per farne uno mi ci volevano 10 minuti perché manovravo su cose come apertura, esposizione, messa a fuoco e tutto quanto. Ma la ragazza che mi aiutava a sviluppare le pellicole ha acceso per sbaglio la luce della camera oscura e ha cancellato TUTTO. Non sono riuscita a parlare per tre giorni. Ero distrutta. Lasciate perdere gli effetti artistici stilosi delle vecchie macchine fotografiche. Sono assolutamente stronzate. Le digitali e Photoshop, ecco la strada maestra.

» Nuovo Still, il quinto con Hermione

Il trio parla col Ministro della Magia Rufus Scrimgeour

  1. ente britannico che si occupa di salvaguardare la salute dei lavoratori []
  • Oggi con calma leggerò tutto l’articolo, grazie Hahn per la traduzione =)

    » Emma Watson: “Harry Potter non è Twilight, noi non vendiamo sesso.“

    Questa l’ho vista su un altro sito, ho pensato “Caz* se ha ragione!!! XDDD
    Sei uno spettacolo Ems =****

  • Sara

    Ahaha Emma! Tu sei troppo forte!!

  • liona a

    poveraaaaaaaaaaa
    tanta fatica per le foto e alla fine si cancellano tutte…

  • hermione13

    Adoro qst intervista e mi dispiace x le foto di emma:((
    Cmq sn un po’ inquietanti qst primi piani del trio, nn trovate??

  • hermione13

    Ahhhhhhhh dimeticavo W HARRY POTTER!!
    K nn è spazzatura cm twilight!!

  • Lynus The Porcupine

    Gliecco, in questo sono pienamente d’ accordo con Emma: meglio questi film che quelle cavolate di Twilight, Eclipse e compagnia bella! E poi, possibile che non abbia mai scattato foto in vita sua? O_o

    • Intendeva dire di non avere mai scattato foto sul set.

  • Anonimo

    Lasciate perdere gli effetti artistici stilosi delle vecchie macchine fotografiche. Sono assolutamente stronzate. Le digitali e Photoshop, ecco la strada maestra.”

    Mitica.

  • Pancaspe

    Grazie per la traduzione. ^^

    A primo impatto questa intervista ad Emma mi ha lasciato solo delusione: c’è una elemento fondamentale di Hermione che pare lei non abbia recepito, o almeno non pronuncia, quando invece ne ha l’opportunità.
    Parlando dei sacrifici di Hermione dice ben due volte che li fa per amicizia.

    si capisce il sacrificio che Hermione e Ron compiono in nome dell’amicizia con Harry.

    Si sceglie tra la famiglia e gli amici; una cosa davvero brutale.

    Insiste su questo.
    Mi delude che non noti che Hermione non lo fa solo per quello. E’ una ragazza coraggiosa ed altruista che si impegna per il bene di chiunque contro le ingustizie come nel caso del CREPA. Hermione sprona Harry ad usare la pozione della fortuna per impedire che altri bambini vengano attaccati e uccisi dal mannaro.
    E’ troppo riduttivo ricondurre tutto all’amicizia.

    E sai, Harry Potter non è Twilight; noi non vendiamo sesso.

    Questa una Twilighter poteva evitarsela. XD
    Che poi Twilight vende il non-sesso. U_U

    Ma la ragazza che mi aiutava a sviluppare le pellicole ha acceso per sbaglio la luce della camera oscura e ha cancellato TUTTO.

    Muhahahah quindi ha perso tutte le foto scattate in Galles!
    Bè, tanto su Twitter non le avrebbe messe. XD

    • Per me è palese che parla di quello che vedremo nel film. Che come ben sappiamo, è riduttivo.

      Il Sesso in Twilight è un processo produttivo. Al reparto libri, l’autrice porta il Prodotto Sesso ad un curiosissimo ibrido frivolo-mormonico (Il Non-Sesso). Nella fase seguente, il lavorato viene spedito negli studios e nelle agenzie di PR, dove un cast di ben studiati e calibrati sex-symbol si prodiga nel doping del lavorato e confeziona il prodotto finale. L’affermazione di Emma è una sintesi molto brutale, ma è corretta da tutte e due le parti.

      Le foto del Galles erano scattate con una digitale, di sicuro non le ha perse.
      Certo, magari può essere che ha provato a sviluppare la memory card…

  • Lynus The Porcupine

    @ Mister Hahn Ah, ecco, mi sembrava un po’ incredibile, infatti! Pardon, non avevo capito bene.

  • Anonimo

    Sarà anche vero…ma non mi piace che per rendere onore al proprio lavoro si sminuisca quello di qualcun’altro..insomma..se avesse detto “harry Potter non vende sesso.” Era ok…,ma xchè mettere in mezzo Twilight??….Che le viene in tasca?…………….Che poi veramente…trovare sesso in Twilight è impresa ardua….perciò proprio non capisco questa affermazione.
    io sono una Twilighters!Mia figlia si chiama Elys (Non Alice ma la pronuncia è quella! ;D) perchè ho scoperto di aspettarla mentre leggevo Breaking Dawn e tra i vari nomi era il mio(il nostro..anche di mio marito!)preferito!E quando è nata(2 mesi fà)mi sono tatuata sul polso”Più della mia stessa vita”(Una frase del libro) ;)…ci tengo molto….è una saga che porterò nel cuore x sempre…esattamente come Harry Potter.

  • Astoria

    Sono Astoria comunque!!Mi ha messo Anonimo!! XD

  • Non sono d’accordo con te, Astoria!
    Per me Emma non ha voluto sminuire il lavoro di “Twilight” per rendere onore a Harry Potter, credo solo abbia dato un suo parere…

  • Astoria

    No……….Non mi sembra un’opinione!………..Un’opinione si espone in ben altro modo…E’ come dire:”Noi sì che siamo seri..non come quelli lì!!”…….non credo che lo sentirsi dare dei”VENDITORI DI SESSO”possa passare per complimento a quelli di Twilight..! XD……..Che poi insomma…cosè quest’animo puritano??Quanto accanimento verso il sesso!Come se fosse un film la causa della precocità adolescenziale!

    • Non c’è nessun accanimento verso il sesso e non c’è questione puro/impuro. È una questione di differenze: Harry Potter lo evita di netto perchè così ha fatto JK nei libri; i film di Twilight e i loro attori enfatizzano un elemento che la Meyer ha reso ovunque latente e in presenza crescente. Non ci sono giudizi, non c’è scritto da nessuna parte che Emma abbia detto che fondare il proprio successo sull’elemento sexy/sessuale sia sbagliato. NON LO DICE. Enuncia una differenza e poi LA ESEMPLIFICA. È l’esempio a chiarire esattamente perché Emma usi quelle parole. Usate da sole possono essere offensive, nell’ambito del discorso semplicemente non lo sono. Guarda caso, vengono usate da sole solo NEL TITOLONE…

      È anche a causa di fraintendimenti del genere che poi diventa difficile capire se il TwiWorld dia addosso ad Emma perché si sente offeso dall’apparenza delle parole, o perchè semplicemente Emma ha ragione.

  • Pingback: Emmux #22 – Tortura di gruppo | Emma Watson Italia()

  • Pingback: Un bacio da spasso – Le riprese del kiss Hermione/Ron? | Emma Watson Italia()