Harry Potter vuole i Golden Globe sull’attenti, Emma Watson proposta per una nomination

UPDATE – DH1 è stato inserito nella short-list dalla quale verranno scelte le nominees per l’Oscar agli effetti visivi.

***

In vista delle Nominations per i Golden Globes1, la Warner Bros. ha deciso di dare il proprio supporto ufficiale alla candidatura di molti elementi potteriani. In passato, la WB si limitava unicamente ai terreni dove effettivamente nutriva delle speranze di vittoria, come la fotografia o gli effetti speciali. Stavolta però nella pagine For Your Consideration (Alla vostra attenzione, intendendo quella della commissione che si occupa dei GG,) che sono una pratica comune quando ci si avvicina a questi premi, ci finiscono praticamente tutti.

La Warner propone ufficialmente Harry Potter e i Doni della Morte: Parte 1 per una nomination come Miglior Film. Per la prima volta il trio riceve una sponsorizzazione del genere, Daniel e Rupert come Miglior Attore ed Emma Watson come Migliore Attrice. Yates, Kloves e Desplat sono stati proposti per la Miglior Regia, la Miglior Sceneggiatura e la Miglior Colonna Sonora rispettivamente. Le Nomination verranno decise il 14 Dicembre, la cerimonia-gala di premiazione verrà trasmesso in diretta il prossimo 16 Gennaio.

Finora Harry Potter non ha mai ottenuto alcun premio importante (giocoforza due: i Golden Globe e gli Oscar) in nessuna categoria. Qualche nomination, ma mai nelle categorie più prestigiose. La critica è sempre stata tacitamente d’accordo nel non conferire questi prestigiosi riconoscimenti, quasi sempre senza particolari attacchi o giudizi pesanti: semplicemente, ci sono film ben più meritevoli di stare in una elite già tanto stretta.

Ma ultimamente sempre più addetti ai lavori si sono mostrati possibilisti sull’eventualità (e sulla “quasi necessità”) di conferire almeno un riconoscimento a quella che dopotutto è la saga cinematografica di più grande successo nella storia. Recentemente Mary McNamara del Los Angeles Times ha pubblicato un intero articolo che è “una critica alla critica” e il cui titolo potrebbe tranquillamente essere “Perchè Harry Potter merita l’Oscar“. Portkey lo ha tradotto, eccolo qui:

Il fatto che “Harry Potter e i Doni della Morte – Parte 1” sia uscito a Novembre inoltrato ha un che di interessante. Si tratta dell’inizio ufficioso della stagione degli Oscar, dopo tutto. Per quanto la Warner Bros continui a sperare di ottenere l’attenzione dei votanti o si decida a snobbare il giudizio dell’Academy of Motion Picture Arts and Sciences,  è difficile immaginare che quest’anno sarà diverso dagli altri dal momento che alla giuria semplicemente non piace Harry Potter.

Pensateci un attimo. Sei film e nemmeno un Oscar. Nessuno. Scale a cui piace cambiare, ritratti parlanti, partite di Quidditch mozzafiato, cattivi che spaventano anche gli adulti e neanche un Oscar. Ci sono state nomination — per la scenografia, la colonna sonora e i costumi — ma nessuna vittoria, il che, francamente, è difficile da accettare. Come è possibile che nessuno di questi film abbia vinto per i costumi? Lo sceneggiatore Steve Kloves, nominato agli Oscar per “Wonder Boys”, ha adattato tutti i libri tranne uno, un impegno senza precedenti negli annali del Sindacato degli Sceneggiatori, e non è mai stato nominato. Lo stesso vale per i registi e gli attori.

Proprio così, nessuno degli attori nei sei dei film più famosi al mondo è stato nominato agli Oscar. Non ci sorprende che i giovani protagonisti — Daniel Radcliffe, Emma Watson, Rupert Grint — siano stati scavalcati; la giuria preferisce nominare bambini in ruoli non protagonisti e per di più in film sconnessi e indipendenti come “The Piano” o “Little Miss Sunshine”.

Tuttavia, i personaggi adulti sono sempre stati interpretati da alcuni dei migliori attori inglesi: Richard Harris, Michael Gambon, Maggie Smith, Alan Rickman, Ralph Fiennes, Robbie Coltrane, Emma Thompson, Julie Walters, Brendan Gleeson, Imelda Staunton, Kennet Branagh, Jim Broadbent e ora Bill Nighy — la lista è incredibile. Tutti questi attori sono stati geniali nei ruoli che avrebbero potuto sfociare nel ridicolo e divenire macchiettistici. Basti pensare ai presupposti — Rickman indossa un mantello e capelli neri color pece; Ralph Fiennes sembra un serpente; Coltrane è un mezzo gigante peloso; Brendan Gleeson ha un occhio finto rivoltante. Questi sono aspetti da non sottovalutare. Eppure loro lo fanno.

Non c’è dubbio che alcuni membri dell’academy si siano pentiti per non aver nominato Harris per il suo ultimo ruoloprima di marire, ma anche Gambon è stato scavalcato. Nei panni di Albus Silente, gli attori hanno dovuto indossa una lunga barba alla ZZ Top, talvolta con dei capanellini appesi, indossando cappelli buffi. Eppure in entrambi i casi hanno dato vita ad un preside credibile noto non solo per la sua umiltà e saggezza, ma anche per la sua gentilezza, cosa che ha alimentato un mesto ottimismo fino al momento della sua morte.

Garantito, nessuno degli attori adulti compare per molto tempo sullo schermo, ma se Judy Dench può vincere come non protagonista per aver pronunciato cinque battute nei panni della Regina Elisabetta in “Shakespeare in Love”, allora la morte di Gambon, il mix di vergogna e tracotanza di Broadbent, o la furia colma di dolore di Piton meritano almeno una nomination.

Sfortunatamente, la giuria adora film drammatici d’elite e non è mai stata affascinata dal fantasy, specie per quanto riguarda la recitazione. “Il Signore degli Anelli: Il Ritorno del Re” avrà pure fatto piazza pulita nel 2004, ma nessuno degli attori è stato nominato. Pensateci un pò, il “Miglior Film” con attori neanche nominati. Ian McKellen ha ricevuto una nomination per il primo adattamento, “La Compagnia dell’Anello” ma dopo di ciò, niente più. Tre film e niente per Viggo Mortensen, Orlando Bloom, Elijah Wood o Bernard Hill, il cui Re Theoden continua a commuovermi. “Non per la collera, non per rovina o la rossa aurora” — queste sono battute necessitano di un coraggio professionale e una certa abilità di trascendere il tempo e lo spazio che i film più moderni, non importa quanto siano belli, semplicemente non richiedono.

E’ ironico e irritante, dipende da che lato dello schermo siete, perchè la chiave di un grande fantasy risiede nei personaggi che sono straordinari e profondamente umani al tempo stesso. Una cosa è interpretare un serial killer o il leader di una società corrotta; un’altra è dare vita ad un mago oscuro credibile. Pronunciare una maledizione con vere intenzioni è di gran lunga più arduo del dire una parolaccia, e agitare una bacchetta richiede più coraggio — oltre ad una certezza finezza recitativa — di un colpo di pistola.

Forse la giuria dell’academy è in attesa dell’ultimo Harry Potter, proprio come ha atteso per il terzo “Signore degli Anelli”. O forse tra le 10 categorie sarà trovato spazio non solo per i film d’animazione ma anche per i fantasy. In un caso o nell’altro, ci deve essere consapevolezza non solo del successo di questa serie cinemaografica ma anche della genialità e degli sforzi di tanti.

Accio, Oscar

» Emma nominata ai People Choice Awards 2010

Le pre-votazioni sono andate a segno. Emma è candidata nella categoria Movie Star Under 25, assieme a Kristen Stewart, Robert Pattinson, Vanessa Hudgens e Zac Efron. Potete votarla qui! Purtroppo il tempo per votare è scaduto!

  1. Volgarmente e un po’ ingiustamente, l’antipasto degli Oscar []
  • debby

    ciao a tutti!!! volevo chidere una cosa ke nn c’entra niente cn questo!!! volevo comprare il calendario 2011 di harry potter pero da internet! ho visto che ci sn 2 versioni di dimensioni diverse… ma le immagini all’interno sn le stesse?
    grazie

  • Prova a linkare le versioni di cui stai parlando, difficile risponderti altrimenti.

  • Anonimo

    ciao…volevo chiedere se per caso sapevate dirmi perchè non riesco a vedere le foto sul link della warner bross..grazie..comunque sono appena andata per votare emma e il tempo per votare è finito…grazie in anticipo…ciao e W EMMA 4EVER

  • Hanno dei problemi al sito, neanche io riesco a raggiungere la sezione HP, al contrario degli altri film.

    Esatto, il tempo per votare è scaduto. Aggiornato l’articolo, grazie =)

  • Pancaspe

    la morte di Gambon, il mix di vergogna e tracotanza di Broadbent, o la furia colma di dolore di Piton meritano almeno una nomination.

    Qui ho avuto i brividi ed ho dovuto smettere di leggere per un po’. °_°

    Rickman su tutti, per me, merita almeno la nomination. Il suo sguado davanti alle preghiere della prof.ssa di Babbanologia è la cosa migliore di DHI.

    Grazie per la traduzione. ^^

  • MissMartyPollen

    Daniel miglior attore? o.O Rupert è molto più bravo! e se non Rupert, chiunque altro! (mia opinione, non linciatemi xD)
    per la quasi-nomination di Em sono molto contenta =D vai così bella!
    Harris è stato il miglior Silente che si potesse immaginare. la sua interpretazione è sgusciata fuori dall’immaginazione di ogni lettore di Harry Potter. mi manca parecchio ='(

    comunque, sono perfettamente d’accordo con l’autrice dell’articolo. chissà che HP non finisca col botto =)

  • Lynus The Porcupine

    Diavolo, ma anche Harry Potter merita l’Oscar, eccome! Per me, sono stati i film migliori che abbia mai visto in vita mia, perciò se lo meritano più loro che quei film da due soldi come “Shakespeare in Love”! Chi è d’accordo alzi la mano, bè, risponda in un modo o nell’altro!

  • Mah…Vedendo film come Il Signore degli Anelli, non so se Harry Potter è da Oscar……Magari più avanti Emma, o Daniel, o Rupert o che so io tra gli attori, in qualche altro film prenderà l’Oscar per l’interpretazione…Però i films non so…

  • MissMartyPollen

    beh, dai, Lynus, dire che Shakespeare in Love è un film da quattro soldi non è vero, perchè è davvero bellissimo (vedere per credere), però è anche vero che per vincere l’Oscar 1 – devi essere americano oltre che a un bravo attore =) 2 – spesso li danno un po’ che lasciano la gente o.O

  • L’autrice dell’articolo voleva solo fare l’associazione Saga Storica per Successo = Un premio lo merita. Che ha anche un senso, se vogliamo. Fa strano che una saga che fa la storia del cinema poi non colga il suo riconoscimento più prestigioso.

    Però mi è un po’ scaduta quando ha proposto Kloves per la Sceneggiatura. Da ricovero. Se HP deve andare all’assalto dell’Oscar, di certo quello non è il lato dove attaccare.

  • 1 – devi essere americano oltre che a un bravo attore

    O.O ma quando mai devi essere AMARICANO per vincere l’Oscar!???????!
    Lo ha vinto un Italiano, Morricone, non è un attore però lo ha vinto!

  • Pancaspe

    Bè, che gli statunitensi considerino gli Oscar una cosa loro è verissimo, tanto che hanno istituito il premio al miglior film “straniero”.
    Quando un attore non anglofono vince è sempre un evento, da Anna Magnani a Marion Cotillard a Bardem.
    Proprio a sforzarsi danno il premio più ambito anche agli inglesi ogni tanto, ma perchè anglofoni. XD

    A Morricone hanno dato il premio alla carriera: un contentino perchè a furia di nominations non premiate (5) e in virtù del suo immenso talento e contributo alla Storia del Cinema era uno scandalo che non avesse la statuetta.

  • Deborah

    Anch’io quando ho letto che Gambon era morto mi è partito un colpo. Era la morte di Silente…
    Comunque una nomination assolutamente a Rickman, ha reso Piton indimenticabile (non vedo l’ora di vedere la parte in cui Piton rivela a Harry la verità).
    Be’ anche la nominations a Rupert, Daniel e Emma la trovo giusta. Hanno interpretato i loro personaggi veramente bene.
    Aggiungo che Ralph Fiennes è stato un GRANDE nella sua interpretazione.
    E’ molto più difficile interpretare il malvagio che non un buono.

  • MissMartyPollen

    sì, Ale88, scusa, la mia era un’esagerazione, però è anche risaputo che il 90% degli attori che vincono l’Oscar sono americani. quindi quoto Pancaspe in tutto =)

  • Astoria

    Fosse per me candiderei TUTTI…..Io adoro Harry Potter in ogni singola sfumatura della sue essenza…<3

  • Lynus The Porcupine

    Già, ma dipende anche dai gusti: ci sono persone come la maggior parte della gente di EWI che adora questo genere di film e altre che invece preferiscono i film più “dell’orrore” o magari più romantici o polizieschi, come dico di solito de gustibus non disputandum est (della serie ‘i latini hanno già detto tutto’)

  • Sono già emozionatissima per stasera, HP deve vincere almeno un Oscar!!! <3