[ESCLUSIVA] Emma Watson @ Io Donna (5 Marzo) – Promoshoot di Pure Threads e nuova intervista

UPDATE 14/03 – Foto non-scan nella nostra gallery!

***

Grazie ad Ale88 per averci fatto avere queste due nuove foto!

Per leggere l’intervista aprite l’articolo intero, poi cliccate sul primo scan e potrete navigarla nell’overlay. Enjoy =)

  • Grazie per gli scans (:

    Per quanto riguarda PT (tutte uguali ‘ste abbreviazioni XD) è tutto onorabilissimo, ma quando leggo le interviste di Emma sull’argomento ho sempre la sensazione che non si renda totalmente conto che tra le persone come lei e i poveri del Terzo Mondo ci sia tutto uno strato di gente che vive in condizioni intermedie XD Pure Threads è accessibile a tutti col cavolo.

    • Ma secondo me non è questo lo scopo, nè di Pure Threads nè di Emma =)
      Per quello c’era PT… oh, al diavolo, People Tree. Quella collezione serviva a mettere davvero nelle mani dei consumatori tipici del 1° mondo (quelli che tu dici “in condizioni intermedie” xD) una scelta, ovviamente ben pubblicizzata grazie ad Emma, dove ti dicono ok, non è economico, ma non è neanche proibitivo, e questo *sai* da dove viene. Se compri questo invece di quello, le conseguenze saranno migliori per moltissimi.

      Invece Pure Threads è un “servizio” reso da Watson/Ferretti alla moda equo-solidale, per elevarla di rango. L’idea è quella di mostrare che, se se ne occupa una stilista seria, allora significa che si può fare “seriamente Moda” anche se è etica. Gran parte dei trend li settano i grandi stilisti e le grandi case, e finchè si ignorerà per la stragrandissima parte l’organico e l’equo-solidale non verrà mai smontata la percezione, innegabile, che chi veste organico sia fuori moda. E di conseguenza non verrà mai tolto questo blocco psicologico che costituisce grande parte della ridicola diffusione che hanno i capi organici!
      C’è da sperare che faccia altrettanto bene alla Ethical Fashion di quanto ne farà all’immagine della Ferretti…

      Insomma, la prima era pratica, la seconda è moooolto più teorica. Credo che Emma adesso si sia spostando verso la parte di Teoria xD. Vedo più plausibili repliche alla Ferretti che alla Safia Minney, in futuro.

      Io non ho mai avuto la sensazione che Emma dicesse “Comprate Alberta Ferretti” xD Quello lo diceva eccome, e accalorata pure, per People Tree. xD

      • Non ho avuto l’impressione che dicesse “comprate Alberta Ferretti” neanche io, quello no. E da come la metti tu, sull’aspetto teorico, la cosa ha molto più senso (good point!). Sarà che finisco sempre per applicare quello che dice lei alla mia esperienza, e mi rendo conto che non è possibile.

        E’ come per le auto “ecologiche”, nessuno le promuove, nessuno ha intenzione di incentivarne la vendita, finirà che nessuno (a parte persone eco-consapevoli e con più disponibilità – come Emma) le comprerà. E non perché avere una macchina “ecologica” sia fuori moda.

        Non vedo neanche la moda etica “uncool”, se per questo. Solo che… Emma nelle sue interviste ha sempre ragione, parla di consumatori e scelte responsabili e così via; non le si può dar torto. Però tanta gente quelle scelte non le può fare. Non so neanche dirti che mi aspetto, però ho sempre la stessa sensazione quando smetto di leggere suoi commenti sull’argomento. Se tutte le brand più famose iniziano a fare abiti “etici”, a quei prezzi lì rimarrà sempre una cosa di élite. Sarà che Emma mi sembra… così lontana dalla vita “reale” e “ordinaria”, che non riesco a non pensarci quando leggo quello che dice. (Mi viene in mente l’intervista in cui si lamentava di quanto i bambini, in alcune famiglie, fossero consapevoli del peso del denaro. Ci rimango sempre un po’ così, e mi viene da pensare “Emma, in certe famiglie è inevitabile”; solo per fare un esempio.)

        Mi auguro che contagino anche tutte quelle marche più accessibili e che serva a qualcosa in questo senso. Da questo punto di vista il ragionamento è ineccepibile.

        (Non è per fare la detrattrice, ci tengo a dirlo. Sono contenta che stia continuando sulla sua strada con questa cosa del Fair Trade e sfruttando la sua fama per cause così giuste. Vive sulla sua esperienza, giustamente, non è tenuta ad averne nessun’altra. Evidentemente ho sonno – e il mio italiano pure – e dovrei andare a letto XD)

        • Mi auguro che contagino anche tutte quelle marche più accessibili

          Ecco, esatto. L’intero punto del discorso. Se a seguito dei pezzigrossi che provano il fairtrade nascono le “Benetton e le Original Marines del fairtrade”, Emma (e i molti altri che dovranno sforzarsi perchè questo accada) avrà raggiunto l’obbiettivo =)

          Per quello che può comunicare Emma nelle interviste, ovviamente sono sensazioni e non si cambiano. Ma non credo neanche tu sia del parere che sul serio Emma non si renda conto della contingenza di chi non ha le sue stesse possibilità, che per esempio proprio ignori che anche gli 80 euro di una gonna People Tree sono troppi per molte famiglie. E se le interviste non avessero una durata e domande+risposte un loro spazio massimo, probabilmente un’ovvietà simile uscirebbe fuori.
          E’ una questione di messaggio secondo me: Emma è lì per veicolarne uno. Ha detto (ma non troppo spesso, visto che è una cosa negativa e ovviamente uno cerca di non mettere l’enfasi sugli aspetti negativi quando ti “vende” qualcosa, anche un’idea) che scegliere Fair Trade è vero che comporta la rinuncia a qualcosa di comodo (intenso in senso vasto, come più economico, più accessibile, più cool, più… tutto), ossia comporta un sacrificio. Ed invita tutti, tendenzialmente, a farlo questo sacrificio. E stop, si ferma li xD Anche perchè immagina che senso avrebbe se si mettesse ad assolverci e giustificarci “se proprio non ce la facciamo a farlo
          Poi è chiaro che ognuno si fa i propri conti, e se proprio non si può non si può.

          • No, certo XD nelle interviste non si può dire tutto, e non mi aspetto un’assoluzione come dici tu. In realtà non so che mi aspetto, era un commento totalmente estemporaneo. Però in linea di massima è sempre la sensazione con cui rimango quando Emma tocca determinati argomenti nelle sue interviste (può essere il Fair Trade, come possono essere altre cose più generali, non parlo solamente di questo caso in particolare). Posso anche essere prevenuta io sull’argomento… non escludo niente.

  • Ciao posso prendere gli scans per il mio sito?
    Ovviamente non rimuoverò la vostra tag

    • Citando dalla licenza in fondo alla pagina:

      Tutti i post e gli articoli di Emma Watson Italia sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

      Questo significa che:
      * puoi riprodurli sul tuo sito o in qualunque altro posto ma
      * devi specificare la loro provenienza dall’Emma Watson Italia, con un link o un riferimento al post originale.

      ;)

      • si si nella news scrivero che li ho presi da voi
        Grazie ;)

  • Lynus The Porcupine

    Carino, anche con il logo del sito! Scusate, a parte questo, beh, in effetti mi piacerebbe comprare dei capi organici per poter aiutare in qualche modo il pianeta, ma… Visti i prezzi, dubito che comprarli sia una buona idea, a meno che non li abbassino un po’: lo so che questo si chiama parlare da persone venali, ma è perchè, vista la situazione economica in linea generale, non mi sembra il caso di prenderla tanto alla leggera =/ Però potrei sempre mettere da parte qualcosa e arrivare fino alla somma che mi occorre *-)

    • Guarda che puoi benissimo comprare per People Tree!!! Non mi sembra molto una t-shirt a 26/27 euro…Invece che Pure Threads, che tra l’altro è solo per donna XD

      • Lynus The Porcupine

        Ah beh, se è così allora ripiegherò su PT… =)