“Pure Threads”, il lancio ufficiale e il Videoshoot + Emma è stata a Milano?

Lo scorso 21 Marzo è stata ufficialmente messa in vendita online la mini-collezione “Pure Threads” realizzata dalla stilista italiana secondo la birkiniana idea di Emma. L’idea di quanto la collezione sia mini la rende decisamente bene il fatto che stia tutta in una pagina, questa qua.

A ridare slancio al lancio però c’è stato questo video che racconta il servizio fotografico di Emma, Alberta e delle modelle che indossano i capi della collezione. L’unica frase è di Emma, e recita “Questo è davvero un sogno che si realizza.”

Qualche parola in più l’ha spesa Alberta, intervistata da Style.com, quando si è trattato di parlare della sua collaborazione con Emma.

Come sei finita a lavorare con Emma Watson?
Emma e io abbiamo un’amicizia che ci lega da tempo, risale a quando la vestii per la promozione del primo film di Harry Potter. Da allora, siamo rimaste in contatto e sono rimasta molto colpita dalla sua collaborazione con People Tree. La trovo molto seria, intelligente, di un talento estremo. Per me lei è stata una scelta ovvia per questo progetto, visto che condividiamo una profonda sensibilità nei confronti della causa per l’ambiente.

Come descriveresti il suo stile? E come si è combinato con la tua personale sensibilità estetica?
Emma è una giovane donna fresca, serena, intelligente, che ha uno stile molto sofisticato. È una giovane donna che vive la vita in pieno: è concentrata professionalmente, coinvolta nel sociale, ed è intrigante e cool. Volevamo entrambe che la collezione fosse facile da indossare e accessibile ad un ampio spettro del pubblico. L’ispirazione principale che è venuta direttamente da Emma è stata l’atmosfera alla Jane Birkin, tipica della Londra dei tardi anni ’70, idea che le è venuta dopo aver visto la mia collezione Primavera 2011. Comunque, la collezione mostra intatto l’inconfondibile tocco femminile e romantico di Alberta Ferretti. Femminilità e romanticismo ci sono entrambi nella nostra concezione condivisa dello stile della donna.

» InStyle UK, Aprile

Traduzione grazie all’antiemmaw Forum di Hermione Weasley.

Quando Emma incontrò Alberta

La nostra “cotta modaiola” preferita ha collaborato con Alberta Ferretti su una nuova collezione-capsula. Abbiamo fatto una chiaccherata…Attrice di Hollywood e studentessa dell’Ivy League Emma Watson sta creando serie onde di stile – e non solo perché indossa bellissimi abiti. Passando oltre la collaborazione dell’anno scorso con il marchio eco-friendly People Tree, ha fatto un salto di qualità entrando in squadra con la megastar italiana Alberta Ferretti per il suo prossimo progetto eco-consapevole Pure Threads. Qui, il duo ci svela i retroscena (tutti organici, ovviamente).

Come è nata la collaborazione?
Alberta: “Conosco Emma sin dai tempi dei suoi primi film di Harry Potter. Ha indossato abiti Ferretti alle premières.”
Emma: “Ero solo ‘quella ragazzina secchiona di Harry Potter‘!”
Alberta: “Stavo pensando di associare la marca ad un progetto ecologico da tempo. L’esperienza di Emma con la eco-moda [dalla sua linea per People Tree] mi ha affascinata. Credo che abbia un look fresco, che è un bellissimo esempio per le ragazze. Solitamente sono completamente sola nel processo creativo, ma questa collaborazione è una combinazione di idee mie e di Emma.”
Emma: “Alberta è una donna incredibile. E’ fantastico che una stilista che ispira così tanta gente, sia interessata a lavorare con me. Condivide la mia stessa estetica e la mia stessa etica, ed è piacevole lavorare con lei. E’ stato perfetto!”

Spiegateci qual’è stato il processo creativo…
Alberta: “Il punto di partenza è stata la mia collezione Alberta Feretti Primavera/Estate 2011, che è romantica e leggera. Mi sono ispirata ai tessuti naturali e alle forme femminili. Poi ci siamo telefonate e ci siamo incontrate al Claridge’s.”
Emma: “Ho inviato ad Alberta una moodboard che avevo fatto, con una paletta di colori, idee per i materiali e donne a cui ispirarci. Abbiamo entrambe delle giornate pienissime, così lei mi inviava i disegni, io facevo dei cambiamenti e andavamo così, avanti e indietro, un po’ per volta.”
Alberta: “Poi ci siamo incontrate per la prova finale a Londra!”

Come pensi che lo stile di Emma sia riuscito a funzionare con la marca?
Alberta: “E’ la musa perfetta. Emma è una giovane donna con una forte personalità, che sa cos’è meglio per lei. E’ tutto quello che cerco nelle donne che indossano i miei abiti.”
Emma: Il mio stile si è decisamente evoluto. Solitamente vado sul classico, cose semplici, ma poi ho anche un lato avventuroso! Penso e sperimento in continuazione, e faccio scelte consapevoli per cercare di sostenere nuovi talenti e moda etica.”

Perché la eco-moda è così importante per te?
Emma: “Credo che dovremmo essere consapevoli di cosa compriamo e da dove ciò che compriamo proviene. Come consumatori abbiamo così tanto potere di cambiare il mondo solo stando attenti a cosa acquistiamo.”

Essere una stilista ti fa sentire come se avessi più controllo sull’aspetto creativo?
Emma: Sì, adoro avere il controllo! Il mio lavoro d’attrice consiste nel dare vita al punto di vista di un’altra persona, ma con i vestiti posso esprimere la mia creatività. E volevo essere in grado di comprare abiti ed essere certa che non facessero del male alla persona che li ha fatti o all’ambiente. Sono sempre stata coinvolta nell’arte e adoro la moda – è semplicemente qualcosa che mi diverte molto.”

Altre citazioni dall’articolo:

“Sarò sempre coinvolta nella moda – non sembra neanche lavoro!”

“Amo il denim organico combinato con il pizzo.”

Come lo indosserei – by Emma Watson
(Shorts) Abbinali ad una camicetta e accessori chiari.
(Abito nero) Indossalo con un paio di tacchi neri sexy.
(Abito bianco) Aggiungi un paio di sandali alla schiava e una cesta stile Jane Birkin.

» Tu Style, Marzo 2011

Essendo la collezione un made-in-Italy, ci ritroviamo una considerevole copertura da parte della stampa di casa nostra, abbastanza inusuale per le cose Watsoniane. Clic sotto e potete leggere l’articoletto di Tu Style, singola pagina, ammucchiata con foto.

» Gente (29 Marzo), la buttano lì, così.

Ben più corposo l’articolo di Gente, che nel numero della scorsa settimana dedica tre pagine, e un articolo-intervista, a Pure Threads. Potete leggere tutto dagli scan realizzati dalla nostra Ale88, io vi spoilero solo questo pezzettino:

Albera Ferretti ci riceve nel suo studio milanese, una sorta di “mausoleo” del ben vestire […]. C’è ovviamente la Watson, che assieme alla Ferretti ha realizzato una capsule-collection eco in vendita sul sito della maison.

E basta. Spesso gli articoli di questo genere sono collage di conversazioni telefoniche. A volte invece no. Anche l’italiano stesso della frase è ambiguo. Difficile che tutto questo renda l’estratto meno interessante =)

» Tweet

Emma ha ovviamente pubblicizzato l’uscita della collezione su Facebook e Twitter ufficiali, riprendendo anche gli esiti del gioco-indovinello di Lancôme:

Ciao ragazzi, come ve la siete cavati con gli indizi?

Non ho proprio avuto tempo di tweettare la scorsa settimana ma controllavo le vostre risposte man mano che andavo avanti, alcuni di voi hanno avuto acume!

Ciao a tutti, spero tutto ok! Sono stata un po’ impegnata di recente con lo shoot Lancôme e ora con la mia collezione organica con Alberta Ferretti, chiamata Pure Threads, che è uscita. La potete vedere su www.albertaferretti.com. Spero vi piaccia! xx has just been launched. Take a look on www.albertaferretti.com and see what you think! xx

  • Ale88

    Bah……Io me la legherei al dito se è stata a Milano e non ci ha fatto sapere niente ù.ù

  • Lynus The Porcupine

    Splendido servizio! E concordo con Ale88, se fosse anche stata a Milano, parola mia, mi mangerei le mani! >_<

  • Coch

    No speriamo di no cavolo nn è giusto,mi mangerei le mani…

  • BEATRìCE

    io l’ ho sospettato subito quando ha fatto le foto con Alberta, comunque non è giusto che non abbia fatto sapere nulla ai fa =(

    • Le foto comunque non sono state fatte in Italia, come si vede chiaramente all’inizio del video :)