This Is The End: intervista e b-roll

Non ci danno il tempo di ammirare tutte le foto della premiere del film che subito esce un’intervista registrata sul set e un b-roll il cui primo minuto è dedicato tutto ad Emma.

A proposito della sua prima commedia

Questa è la mia prima commedia in assoluto. Questa è la ragione per cui la prima volta che ho letto la sceneggiatura ho pensato ‘ Ok, non è il mio genere, non è per niente il mio senso dell’umorismo, ma come potevo rinunciare all’opportunità di lavorare con i migliori comici al mondo? Come potevo non volere andare per una settimana e vedere cosa riuscivo ad imparare e prendere… come potevo dire no? E’ una splendida opportunità.

A proposito della storia

Quindi… alla festa a casa di James Franco c’è un’apocalisse, la Terra si apre e ingoia praticamente tutti quelli che sono alla festa. In qualche modo io ce la faccio e questi sei ragazzi ce la fanno. Loro tornano a casa di James Franco, si barricano e vivono lì in attesa che l’apocalisse finisca a tutto sia sicuro. Io arrivo ad un McDonalds e sopravvivo con pacchetti du ketchup e dolci e vivo in una fogna, ma poi fuggo. Mi spavento e raticamente irrompo in casa di Franco. E penso di essere al sicuro ora che ho questo rifugio ma poi le cose diventano folli e non voglio rivelare troppo.

A proposito del suo primo giorno di riprese

E’ stato folle. Ovviamente, la parte difficile, siccome è tutto divertentissimo, è stato cercare di non ridere tutto il tempo. Le persone dicono le cose più pazze e tu devi cercare di recitare in modo serio… è molto, molto difficile.

Mi sto divertendo un mondo, è molto terapeutico. Non riesco a smettere di ridere. E’ stato un grande problema, mantenere l’espressione giusta, perché volevo solo scoppiare a ridere tutto il tempo. I ragazzi sono divertentissimi, voglio dire già le facce, non hanno bisogno di dire niente. Guardavo la faccia di Jonah e pensavo ‘Oh mio Dio, questo è troppo.’