La moda fa la rivoluzione

Da anni Emma è sensibile al tema della moda ecosostenibile, con le collezioni di People Tree, la collaborazione con Alberta Ferretti e di recente posando per la capsule collection del Green Carpet, ha fatto spesso qualcosa nel “suo piccolo” per fare arrivare il messaggio a più persone.

Il 4 Novembre scorso, tweetando un link ad un video, Emma ha portato l’attenzione su un regista, Andrew Morgan, che chiedeva donazioni per poter terminare un documentario che racconta l’impatto che l’industria globale dei vestiti ha sulle persone e sul pianeta, The True Cost, nato dopo la tragedia generata dal crollo di una fabbrica di vestiti a Dhaka, in Bangladesh, il 24 Aprile 2013.

tweet_the_true_cost_4_novembre

Per piacere guardate questo x https://www.kickstarter.com/projects/truecost/the-true-cost/posts/638966

In pochi giorni il progetto ha ottenuto i fondi di cui aveva bisogno ed è iniziata la lavorazione, che è possibile seguire sul sito ufficiale.

Nel giorno dell’anniversario della tragedia di Rana Plaza le attiviste fashion Lucy Siegel e Livia Firth e la pioniera del fair-trade Carry Somers hanno dichiarato l’annuale Fashion Revolution Day, durante il quale fashionisti e non sono invitati ad indossare i loro vestiti al contrario e a scattarsi una foto e condividerla sui social network con l’hashtag #insideout. Carry Somers ha dichiarato: “Vogliamo parlare della provenienza dei vestiti, vogliamo aumentare la consapevolezza che acquistando un capo di vestiario non stiamo comprando solo un indumento, ma un’intera catena di valori e relazioni. L’FRD diventerà una piattaforma per fare meglio, per i brand di mostrare cosa stanno facendo per migliorare le cose.”

Emma Watson, assieme a Cate Blanchett, dà visibilità alla causa e ha rilasciato un paio di dichiarazioni a Vogue UK ricordando il suo viaggio in Bangladesh con Safia Minney e ribadito che vorrebbe avere un ventaglio di scelte più ampio.

Sono stata in Bangladesh e ho visitato fabbriche come Rana Plaza, sapevo quanto fossero precarie le condizioni prima del crollo. Penso che sia importante che io sia responsabile delle scelte che faccio capisca che hanno conseguenze.

Le cose stanno migliorando ma vorrei che ci fossero più possibilità tra cui scegliere per me – lo vorrei tantissimo.