#direnkahkaha : Emma ride con le donne turche

AGGIORNAMENTO: lieve cambio di rotta per Emma e il suo supporto alla protesta turca.

L’infelice dichiarazione del vice primo ministro turco Bulent Arinc su come le donne del suo Paese dovrebbero essere simbolo di castità e non ridere ha scatenato la reazione di migliaia di donne in tutto il Mondo, dalla Turchia all’Inghilterra: sui social networks vengono codivise foto di donne sorridenti con gli hashtag #kahkaha e #direnkahkaha, che significano, rispettivamente, “ridere” e “resistere ridere”.

Emma si è unita alla protesta, pochi minuti fa, condividendo sui suoi canali social una foto in cui ride sguiata accompagnata dall’hashtag #direnkahkaha e la menzione all’account dell’UN Women.

Non è la prima volta che la Watson aderisce ad una campagna fotografica sui social a favore delle dolle donne: qualche mese fa ha postato uno foto in cui reggeva un cartello con l’hashtag #BringBackOurGirls.

AGGIORNAMENTO

L’1 Agosto Emma ha cancellato da tutti i suoi profili social la foto e il commento con hashtag e link ad un articolo del Guardian che illustrava la situazione, ma poche ore dopo l’ha condivisa di nuovo, apportando delle modifiche al messaggio: via il link e l’hashtag, dentro le menzioni a Phumzile Mlambo, direttrice esecutiva di UN Women, e Elizabeth Nyamayaro, consigliere anziano della Mlambo.