Il video sexy&privato di Emma? Un virus

In questi giorni Emma Watson difende il titolo di celebrità più pericolosa del web con un link che – mi piace pensare – si fa beffe di quanti godono e vorrebbero godere dei furti di foto private ai danni delle star.

Dopo l’ormai famosissimo discorso all’ONU per il lancio della campagna HeForShe, “””qualcuno””” ha minacciato di pubblicare foto private di Emma, rubate sulla scia del massiccio furto subito da moltissime attrici tra cui Jennifer Lawrence; la vicenda si è rivelata uno scherzo: alla fine del countdown, la schermata del sito chiedeva la chiusura di 4chan, il sito su cui sono state condivise le foto davvero rubate a JLaw & Co.; ma una seconda occhiata rivelava che altro non era se non l’opera di un gruppo di “””burloni””” che puntava solo a qualche click (tra l’altro, obiettivo raggiunto: il sito ha ricevuto 48 milioni di visite).

Ma questa rivelazione e il fatto che le eventuali foto sarebbero rubate, condivise senza il consenso di Emma, che sarebbe vittima di un crimine, non fermano migliaia di persone dal voler vedere suddette – inesistenti – immagini e dall’aprire link che promettono di mostrarle.

In questo quadro si inserisce un sito che linka ad un video sexy di Emma. Attraverso un rimando di link, ai curiosi viene chiesto di scaricare l’ultima versione di Video Player, dato che un errore impedisce loro di vedere il video, e infetta i computer con un Trojan che ruba dati e pubblica post su Facebook.

Una beffa per chi vorrebbe godere del danno subito da altri.

Spero mi scuserete se non provo empatia per chi cade in questo tranello.

Intanto HeForShe guadagna un murales nel Quartier Generale di Twitter e brilla sempre di più con numeri da capogiro: tra il 20 Settembre e il 2 ottobre ci sono stati 1.1 milioni di tweet con l’hashtag #HeForShe da 750K utenti diversi, i quali hanno raggiunto 1.2 miliardi di utenti.

Fonte