Inizia la promozione di Regression!

AGGIORNAMENTO: Aggiunta una nuova foto.

Per Emma non ci saranno apparizioni al TIFF per sostenere Colonia e nemmeno al San Sebastian Film Festival per presentare Regression, però in questi giorni è a Madrid per rilasciare interviste per promuovere il film di Amenábar e la promozione nasce sotto il segno della moda equo-solidale.

Da ieri, infatti, Emma sta usando il suo account Instagram per regrammare le foto della sua stylist, Sarah Slutsky, che, nel pubblicizzare gli abiti e i gioielli indossati dall’attrice durante le interviste, ne spiega l’origine, dopo avere condiviso sui suoi social qualche foto per ricordare il film documentario The True Cost.

Emma e Sarah hanno scelto abiti e accessori di stilisti che pongono attenzione alla produzione e all’artigianato locale, alla sostenibilità e alla longevità della moda.

Kicking off Regression! We ❤️ our rail!
Inspired to consider the whole process of creating a fashion look, we are thinking about all the people, pieces and moving parts! This rack includes designers that are considering local craft and production, artisan skills, the environment, sustainability and the longevity of fashion!
@emmawatson and I can’t wait to share more!

Il primo look indossato è condiviso è firmato da Ralph Lauren, che non usa pellicce, Cartier, che applica i principi di sostenibilità e responsabilità a tutti i livelli della catena produttrice, e Paul Andrew, che produce le sue scarpe interamente in Italia.

First day of Regression press off to an incredible start. Obsessed with this @ralphlauren look made only better by the company’s long standing commitment to not use fur products. Jewels by @cartier who is committed to responsible and sustainable business principles and practices in both the supply chain and their own business. Shoes by @paulandrew are all handmade in Italy by artisans who have been making shoes for decades– some for generations And of course hair by the lovely @visapyyapy and makeup but by brilliant @charlottehayward @emmawatson

AGGIORNAMENTO

La giornalista Cinzia Venafro ci regala un’inquadratura di spalle.