Emmux #55 – I peperoni ripieni del cuore

La rivista italiana Oggi.it ha pubblicato in esclusiva la ricetta del cuore della Watson con un articolo da corollario pieno di dichiarazioni di cui mi fido poco perchè non ricordo di averle lette altrove… ma, dopotutto, sono esclusive. :D

Ha cominciato a recitare nella saga di “Harry Potter” e da bambina, durante le riprese dei film, è diventata prima una bellissima ragazza e poi una grande star. Ma Emma Watson da allora ne ha fatta di strada, confermandosi oltre che come attrice di talento come icona di stile. Dopo “Bling Ring” di Sofia Coppola e “Noah” di Darren Aronofsky, nel 2015 ha recitato nell’horror “Regression” di Alejandro Amenábar con Ethan Hawke.

IL RAPPORTO CON IL CIBO – Emma Watson confessa di saper cucinare, anche se per lo più cose semplici e di essere una vera “foodie che spazia a livello mondiale. Le sue gastronomie preferite? “Italiana, francese, messicana e spagnola”. E qualche volta si lascia anche deliziare dalla cucina britannica, dato che pur essendo nata a Parigi, è cresciuta a Oxford. “Tra quelle che mi piace di più ci sono la cioccolata, i gummy bear, la Nutella! E poi, la colazione a base di salsicce e fagiolini, tipica inglese” dice, anche se ammette di cercare di mangiare molto sano, anche per mantenersi in perfetta forma.

I SUOI PIATTI PREFERITI – Come? Con frutta, tra cui predilige le fragole, e granola (una specie di muesli, n.d.r.). “Sono ideali pure come snack sul set, dove spesso ci sono diversi prodotti molto grassi e tanto pizza, che pur piacendomi cerco di limitare” precisa. Una ricetta che le è nel cuore? “Come ho detto non sono una grande cuoca, anche se devo ammettere che le brownies come le torte mi riescono davvero bene! E anche la pasta con diverse salse che preparo ogni volta diverse. Ma c’è una ricetta che nomino sempre quando mi chiedono, perché facilissima da preparare, anche per una che come me, viaggia sempre. Ho diversi ricordi legata ad essa, nei diversi luoghi dove sono stata e con le persone con cui l’ho preparata. E’ una cosa davvero semplicissima, peró!” ammette ridendo. Di cosa si tratta? Di peperoni ripieni con ingredienti a piacere a seconda delle person… E un tocco suo, dolce, tutto personale!

La ricetta:

Ingredienti per quattro persone:

  • Peperoni gialli, rossi e verdi (4)
  • Patè di pomodori secchi (4 cucchiai)
  • Scalogno tagliato sottile (1)
  • Cipolla tagliata sottile (1)
  • Aglio tagliato sottile (1 fesa)
  • Miele
  • Foglie di basilico tritate
  • Sale e pepe

Preparazione:
Pulire e tagliare i peperoni in modo da lasciarli cavi per metterci il ripieno. Inserire alcuni cucchiai di patè di pomodori secchi e di tutti gli altri ingredienti, miscelando a seconda del gusto. Salare e pepare anche a piacere. Quando i peperoni sono riempiti con questi ingredienti, aggiungere una spalmata di miele e metterli in forno.

» The 2015 International Best-Dressed List

Emma guadagna un posto nella lista internazionale dei meglio vestiti del 2015 di Vanity Fair.

Emma Watson
Occupazione: Attrice, Ambasciatrice dell’UN Women.
Residenze: Londra e New York.
Acquisto fashion preferito del 2015: ” Il mio top color crema con le maniche larghe di Ellery Humilis.”
Capo d’abbigliamento preferito: “La mia felpa di Organic by John Patrick.”
Stilisti preferiti: “Maiyet. Chic in maniera impossibile. Paul Andrew ha disegnato le scarpe per la mia laurea (era veramente comode).
Posti preferiti per lo shopping: “matchesfashion.com e modaoperandi.com.”
Scarpe preferite: “Le mie espadrilles di Tabitha Simmons e i miei stivali Chelsea di Phillip Lim.”
Icone di stile: “Frida Kahlo, Joan Didion, Georgia O’Keeffe, Phoebe Philo, Cate Blanchett, Charlotte Gainsbourg e Sofia Coppola.”

» Cara Delevingne, chi?

Express.co.uk riporta i risultati di un sondaggio fatto dal sito feelunique.com con 2.000 donne. Il sito, che è uno dei maggiori siti per la vendita di cosmetici in Europa, ha indetto il sondaggio dopo che la richiesta di prodotti per le sopracciglia è quasi triplicata in un anno. Ebbene, le clienti di feelunique.com hanno decretato che le migliori sopracciglia famose sono quelle della nostra Emma, la quale ha celebrato la notizia con uno shoutout per la sua eyebrow artist su Twitter.

tweet_best_eyebrows

» Perfetta, da capo a piedi

Il DailyMail riporta che sul sito WikiFeet i piedi della Watson sono i più apprezzati.

WikiFeet è un sito dove si condividono, votano e discutono i piedi delle donne famose (degli uomini no, perché sono brutti!) per cui siamo di fronte al parere di esperti, o feticisti, se preferite. :D

» Il caso Williams

Un qui pro quo risolto con scuse e sostegno, quello tra Maisie Williams ed Emma Watson.

Ricostruiamo il caso.
Dopo che Emma ha tenuto il suo discorso alle ONU, a Settembre, Williams, Arya Stark nella celebre serie televisiva Game of Thrones, ha retweetato il link al video e ringraziato Emma, manifestando così apprezzamento per quanto detto dalla Watson.

maisie_williams_tweet

Ma a Dicembre è uscita un’intervista del The Guardian in cui sembrava smentire quell’apprezzamento:

Abbiamo parlato del discorso di Emma Watson all’ONU, in cui lei ha raccontato delle ragioni che l’hanno spinta a diventare femminista e del bisogno che gli uomini ne facciano parte; Williams dice di essere insofferente verso questa sorta di ‘Femminismo del Primo Mondo’. “A proposito di molte delle cose di cui ha parlato Emma Watson ho pensato ‘questo non mi preoccupa’. So che le cose non sono perfette per le donne in Gran Bretagna e negli Stati Uniti, ma ci sono donne nel resto nel mondo che stanno messe molto peggio.”

Il terzo atto di questa storia è recente e arriva tramite il Telegraph, con cui Maisie ha chiarito la situazione: quando la giornalista ha citato l’articolo precedente la Williams era “mortificata” e ha detto di aver scritto una mail di scuse ad Emma:

Le ho inviato una mail dicendo ‘voglio chiederti scusa per come le cose sono andate a finire’. Lei mi ha detto che sono cose che succedono ed è stata molto di sostegno. E ho pensato, in effetti questo è tutto – donne che si sostengono nell’industria cinematografica, dove è come se venissi lanciato contro un branco di lupi ed è spaventoso. Quando mi ha detto quel che mi ha detto mi fatto sentire sicura – che è ciò che sto facendo qui a New York per altre ragazze. Questo è ciò che lei ha fatto per me.1

Tutto bene quel che finisce bene. :)

» Emma Watson, giornalista a Bollywood?

Il sito BollywoodLife.com riporta un rumor secondo cui Emma potrebbe prendere parte ad un film di Bollywood diretto dalla regista Nandita Singgha, Mid Dey.

La storia è quella del giornalista J Dey, un giornalista investigativo indiano assassinato nel 2011. Ad Emma andrebbe il ruolo della giornalista britannica che rivela la notizia della morte di Dey al mondo.

» Nuovo BTS da Noah

Nuovo scatto dal dietro le quinte di Noah.

» Nuovi scatti promozionali da Ballet Shoes

Due scatti del genere “quasi identico ai precedenti” e “le è andato il photoshop negli occhi”. :D

Via WatsonUncensored

» L’attrice e la modella

Foto pubblicata su Tumblr nel Giugno 2013, e probabilmente scattata negli stessi giorni da Jamie Burke, con la modella Mila De Wit. Dove? Non si sa.

» Outtakes, servizi fotografici, scan e BTS

»» “Noah” Portraits a Los Angeles

Migliora la qualità dei quattro portraits scattati per la promozione di Noah.





“Noah” Portraits a Los Angeles

Il terzo e il quarto sono di Jason Bell.

Via WatsonUncensored

»» Kerry Hallihan for Elle UK

La giacca indossata per Elle Uk si colora copre di tag in questi nuovi outtakes.








Kerry Hallihan for Elle UK

Via EmWatson.com.br

»» Empire Magazine Photoshoot by Sarah Dunn

Pioggia di tag anche sulle foto di Empire Magazine, tra cui una sola è effettivamente nuova: la seconda (o la terza, a colori). La prima è la versione più larga del ritratto pubblicato nella rivista.




Empire Magazine Photoshoot by Sarah Dunn

Via EmWatson.com.br

» Fancandid e foto rubate negli anni

»» Giugno 2015

L’ultimo fan-avvistamento è di Giugno: una foto scattata il 10 Giugno a Londra Emma è apparsa su Instagram.

  1. Per saperne di più, consiglio di leggere l’articolo del Telegraph da cui è tratta la citazione. []