Anteprima dell’articolo di Porter Magazine

AGGIORNAMENTO: Aggiunte le foto in HQ e un paio di citazioni.

Evening Standard ha pubblicato un’anteprima dell’articolo di Porter Magazine con due delle foto di Cass Bird.



Cass Bird for Porter Magazine

Traduzione delle citazioni a cura di The Emma Watson Archives.

Ho trascorso più di metà della mia vita a fingere di essere qualcun altro. Mentre i miei coetanei si stavano tingendo i capelli e tentando di capire chi erano, io ero impegnata a capire chi era Hermione e come avrei potuto interpretarla al meglio. Adesso a 25 anni per la prima volta in vita mia sento di aver un senso d’identità con cui mi sento a mio agio. Ho davvero cose che voglio dire e voglio essere la versione più autentica di me stessa. Non voglio che ci sia una grande separazione tra la persona pubblica e quella privata. E’ decisamente la strada più difficile da percorrere, ma senza alcun dubbio, in ultima istanza anche quella che dà più soddisfazioni.

Suona ridicolo a dirsi, ma sono molto interessata alla verità, al trovare modi di essere incasinata e insicura e con dei difetti e incredibile e fantastica e al mio pieno potenziale, tutto in uno. Quando guardi il lavoro di qualcuno come l’attrice Emma Thompson, senti di star vedendo qualcosa di vero, ed è a questo che aspiro.

Quand’ero più piccola ricordo di essermi sentita dire ‘chi bella vuole apparire un poco deve soffrire’, ma ultimamente la mia disponibilità ad indossare qualcosa in cui muoio di freddo o in cui non riesco a camminare è cambiata. Voglio sentirmi favolosa e comoda e sexy e forte e bella. E se una cosa ti mette a disagio, non la fare. E’ così triste aver bisogno di tornare a casa solo perché vuoi sederti! Andando avanti, la priorità numero uno è solo sentirmi alla grande.

Mi hanno incoraggiata a non usare la parola ‘femminismo’ perché le persone la trovano alienante e isolante e lo scopo del discorso era quello di includere quante più persone possibile. Ma ci ho pensato a lungo e approfonditamente e alla fine o sentito che era la cosa giusta da fare. Se le donne sono terrificate dall’uso della parola, in che modo si suppone che gli uomini inizino ad usarla?

Credo che usare la moda come mezzo d’espressione sia geniale. Una delle vie tramite cui sono diventata Ambasciatrice di Buona Volontà per l’ONU Donne è stata attraverso il mio interesse nel commercio equo-solidale. Perché così tante donne disegnano e confezionano gli abiti che indossiamo, sono primariamente le condizioni di lavoro delle donne ad essere influenzata dalle decisioni che prendiamo, quindi la moda è una questione femminista.

AGGIORNAMENTO

FashionWeekDaily ha pubbicato le foto in HQ e un paio di citazioni nuove, prontamente tradotte dal The Emma Watson Archives.

[Sulla Brown] “Sono contenta di averlo fatto, è la cosa migliore che potessi fare, infilarmi in quella fornace. Mi ha dato questo posto di rifugio, questo spazio in cui potevo negoziare per me stessa, e tempo per capire chi ero. Ho trascorso più di metà della mia vita a fingere di essere qualcun altro. […] Ho imparato un sacco di lezioni importanti.

[Un consiglio per le giovani donne] “Sopportate il disagio. Non fuggitene. Fateci affidamento, prendetevi il tempo che vi serve. Un sacco di gente si lancia nelle cose perché non può sopportare il fastidio di non sapere.