Emma menzionata nei Panama Papers

La notizia del giorno è che il nome di Emma Watson compare nei Panama Papers, dove viene riportato che “Emma Charlotte Duerre Watson” è la beneficiaria di una società offshore situata nelle Isole Vergini britanniche. Secondo Wikipedia, una società offshore è una “società registrata in base alle leggi di uno stato estero, ma che conduce la propria attività al di fuori dello stato o della giurisdizione in cui è registrata. Ad oggi, è invalso l’uso di riferire questa denominazione a società che offrono condizioni fiscali favorevoli derivanti dalla registrazione in ordinamenti che prevedono scarsi controlli e pochi adempimenti contabili (cosiddetti paradisi fiscali).”

Un portavoce di Emma ha confermato la notizia, precisando che l’unica ragione per cui Emma fa ricorso a tale società è per mantenere un po’ di privacy, e non per evadere le tasse:

Emma (come altri individui di alto profilo) ha messo su una società offshore con il solo proposito di proteggere il suo anonimato e per la sua sicurezza. Le compagnie britanniche devono pubblicare dettagli relativi agli azionisti e la cosa non le darebbe l’anonimato necessario per tutelare la sua sicurezza personale, che è stata a rischio in passato perché tali informazioni erano pubbliche.
Le società offshore non pubblicano quei dettagli sugli azionisti. Emma non ha assulutamente nessuna agevolazione fiscale o monetaria da questa società offshore – solo privacy.

La caccia alla strega è iniziata online e sui giornali, ma finora non sembra ci siano prove di attività illecite da parte della Watson.

the_times_11_maggio_2016

[A destra] “La star di Harry Potter ha comprato una casa da 3 milioni attraverso un paradiso fiscale”

Lo stesso sito-database chiarisce a chiare lettere che essere in questo archivio non significa aver necessariamente agito contro la legge.

panama_papers_statement